VideoRivoluzione

Loading...

lunedì 19 marzo 2012

CONSIGLIERE MINACCIATO:L'UNICO A NON CHIAMARLO E' IL SINDACO

SOLIDARIETA' BIPARTISAN
Il consigliere comunale PdL di Settimo Milanese Ruggero Delvecchio, è stato vittima di minacce di morte la scorsa settimana, un fatto grave per la quale però il consigliere ha ricevuto solidarietà, come si dice in questi casi, bipartisan, cioè da ogni parte politica, perchè è evidente che, indipendentemente dalle ragioni e opinioni politiche che ci uniscono o dividono, se si verfica un fatto di gravità assoluta come questo, la solidarietà è moralmente d'obbligo in un Paese civile.
SINDACO, UN'ALTRA DELUSIONE!
Ma il Sindaco Sacchi, oltre che per la mancanza di trasparenza sul "caso TIA", mi delude anche in questo che definirei come un atto di pochezza, come dire, di basso livello di moralità e serietà.
Infatti Sacchi dichiara sulle pagine di Settegiorni del 16 Marzo 2012:"...mi dispiace molto e condanno fermamente il gesto, ma non mi sono sentito nello stato d'animo di chiamare chi mi aveva accoltellato alle spalle. Avevo chiesto al consigliere Delvecchio di correggere le sue dichiarazioni sulla frase scritta su Facebook (...) -Delvecchio non l'ha fatto, anzi ha volantinato continuando ad accusarmi. Questa polemica mi fa sorridere. Neanch'io ho ricevuto solidarietà dopo le accuse alla mia onorabilità e alla carica che rivesto."
Sindaco ma cosa sta dicendo?
Certo, il minimo che poteva fare l'ha fatto Sindaco, condannare il grave gesto.
Ma le sue motivazioni stanno a zero.
Voglio dire, ci può stare che sia risentito perchè si sente attaccato politicamente dal consigliere,
ci può stare che non si sente di chiamarlo di persona, ci sta anche che vuol difendere la sua onorabilità.
Però forse poteva, se non voleva parlargli al telefono, semplicemente scrivergli una e-mail o una lettera personale, o meglio ancora una lettera aperta, così che, "a sangue freddo", poteva esprimere al suo oppositore politico la sua condanna al pericoloso gesto ricevuto.

Più senso umano, meno politica
Credo che, quella comunicazione di solidarietà a Delvecchio sarebbe stata importante e utile anche nei confronti di tutti i cittadini, perchè ci avrebbe fatto capire che, aldilà dei problemi amministrativi che possono esserci o meno in una comunità, i cittadini di Settimo avrebbero potuto contare sul lato umano del proprio Sindaco, ovvero in quello spirito di condivisione che va oltre la contrapposizione politica, che è in grado cioè di proteggere tutti i suoi cittadini,vicini e lontani dalla sua visione politica.
"Delvecchio ha continuato ad accusarmi" Ha fatto bene
Se il consigliere ha continuato ad accusarla, se lo ha fatto nel rispetto della legge, cosa c'è da condannare in questo? Delvecchio secondo me ha fatto bene. Anche se anch'io sono lontano dalle sue opinioni politiche, ritengo che se le intenzioni di Delvecchio erano quelle di esprimere e far conoscere le sue ragioni politiche, e ripeto, se lo ha fatto nelle regole, allora ha fatto bene.
L'onorabilità? uno scivilone in stile
Sacchi qui fa proprio uno scivilone in stile e serietà, dico questo quando si riferisce alla sua onorabilità, credo che anche questo valore morale debba essere messo in secondo piano rispetto a quello dell'offesa alla vita, in questo caso del sig. Delvecchio, valore certamente più prezioso della sua, a questo punto e a mio avviso, discutibile  "onorabilità".
Se lo faccia da dire da chi i Valori li sostiene come scelta politica e di vita.

Nessun commento:

Posta un commento