VideoRivoluzione

Loading...

domenica 20 novembre 2011

BLOCCHI DEL TRAFFICO? UNA COSA PAZZESCA!

Beppe Grillo direbbe la sua storica esclamazione:"Amici, ma è una cosa pazzesca!" Infatti lo è!
Fastidio per una giornata senz'auto? No, non proprio.
Voglio dire, come pensano in molti che conosco, che "il sacrificio" di lasciare l'auto ferma per un giorno non sarebbe affatto un sacrificio e io e molti sarebbero anche felici di fare questo gesto ma ad una semplice condizione:SE SERVISSE A QUALCOSA!!!!
Invece, anno dopo anno, e a Milano città, sindaco dopo sindaco, senza Ecopass prima con Ecopass già da molti anni, alla resa dei conti si fanno schizzare al picco massimo i valori di vivibilità e si deve ricorrere al più inutile dei provvedimenti, il blocco del traffico appunto, che dopo un'ora dal suo termine d'applicazione si rivela come tale: inutile.
Oggi, 20 Novembre 2011, bloccati Milano città e 17 comuni del milanese.
Tanto per far capire quanto sia inutile? Un esempio: il comune di  Settimo M.se aderisce alla sciocca iniziativa e quello di Cornaredo no, ma Bareggio, a 1 km da Cornaredo sì.
Sono stati oggetto del blocco (per oggi solo a Milano ma domani?) anche i veicoli cosiddetti ecologici come quelli alimentati a gpl e metano e ibridi.
Dunque un'altro sprECO dello Stato italiano che ha erogato milioni di euro per incentivare all'acquisto di tali veicoli e che oggi blocca insieme agli altri?
Quando ci si occuperà davvero di ecologia e non, come nel caso dell'ecopass, di demagogia?
Il sindaco Moratti non aveva detto che l' Ecopass era un provvedimento di pochi anni e che i proventi di questo innovativo intervento sarebbero stati spesi in ecologia?
E l'attuale sindaco Pisapia? Tante promesse, e poi?
Intanto su motori.it è pubblicato:" Per l'Unione Italiana dei Giornalisti Automotive il blocco del traffico appare quindi una soluzione inefficace e demagogica, anche alla luce del fatto che alcuni degli stessi sindaci che hanno detto sì all'iniziativa hanno ammesso come il provvedimento non sia risolutivo. "
 

Nessun commento:

Posta un commento